Estate in puglia
Estate in Puglia: tra i borghi del tacco d’Italia
22 Luglio 2020
Laguna di Venezia
Laguna di Venezie e le sue isole, i tesori nascosti della città
5 Agosto 2020
Trekking in Veneto

I segni e i ricordi della grande guerra sono rimasti indelebili nel nostro territorio. Colline, pianure e monti hanno fatto da sfondo a pagine di storia dell’inizio del 1900 in molte parti del Nord Italia, e in particolare in Veneto.
Per mantenere la memoria, nella nostra regione sono stati creati moltissimi percorsi di trekking alla scoperta di questi luoghi.

Monte Pasubio, Strada delle 52 Gallerie

Partiamo dalla provincia di Vicenza per scoprire quali sono i percorsi di trekking in Veneto. Uno dei principali e più battuti tra i sentieri della grande guerra è la cosiddetta “Strade delle 52 Gallerie del Pasubio”. A circa 1216 metri, vicino alla zona di Schio, si trova Bocca di Campiglia, il punto iniziale del percorso.
Le gallerie sono un vero e proprio capolavoro di ingegneria militare, costruite durante la Grande Guerra per consentire lo spostamento in sicurezza dei miliari italiani impegnati al fronte. Come dice il nome infatti, la strada si snoda tra svariate gallerie coperte che, a tratti, si affacciano su picchi vertiginosi.

Monte Pasubio

Tra le prime venti ve ne consigliamo tre (numero 12, 19, 20) che presentano degli sviluppi particolari addentrandosi nelle grotte e sbucando poi nella natura della montagna circostante. Se non avete paura della fatica, proseguite fino a raggiungere il rifugio generale Achille Papa. Da qui si può salire a Cima Palon (con i suoi 2239 metri è il punto più elevato del masiccio del Pasubio) per il sentiero storico tricolore e/o rientrare a bochetta Campiglia o passo Xomo per la strada degli Scarubbi, sul versante Nord. 

Cima Grappa: sentiero N°151

Stando sempre nelle zone di Vicenza, vi proponiamo il sentiero di Cima Grappa.
La salita inizia in una strada asfaltata, passa per una chiesetta e alcune piccole case, per addentrarsi poi nel bosco. Dalla Malga vecchia sono presenti due sentieri che salgono in cima: il primo più corto, ma molto più ripido, il secondo più lungo, ma più tranquillo da percorrere.
Arrivati in cima si trova l’ossario che custodisce le salme di più di 20.000 soldati caduti in guerra. 

Monte Grappa

Sentiero delle Maette

Sempre sul Monte Grappa troviamo il sentiero delle Maette che probabilmente è uno dei sentieri più belli da scoprire della regione. Degna delle più famose e decantate vie dolomitiche d’alta quota, il percorso si svolge su vecchi sentieri militari. Dai punti più in quota lo sguardo arriva fino alla cima del Monte Grappa, in un ambiente tipicamente alpino, dove non mancheranno bellissimi panorami.
L’opera militare è davvero incredibile: lungo il percorso sono state create gallerie per muoversi al coperto, senza essere esposti al nemico, ma la vera attrazione è il ponte sospeso.
Se soffrite di vertigini questo sentiero non fa per voi! Infatti, il passaggio sul ponte è obbligatorio per continuare il percorso.
La stanchezza accumulata durante la camminata di questo percorso di trekking in Veneto, si dimentica immediatamente alla vista dello splendido panorama sulle pianure e sui Colli Euganei.